skip to Main Content

Mio figlio è insicuro…

Mio figlio è insicuro… 

4 suggerimenti importanti

In questo articolo parliamo di quell’insicurezza che i bambini possono sperimentare e, in particolare, vedremo come possiamo gestirli come genitori.

Molti genitori possono tendere a fraintendere le le insicurezze, i dubbi, la vergogna e le paure dei propri figli, dando loro la sensazione che queste emozioni non dovrebbero esserci. Tuttavia, è vero il contrario. Ogni bambino nasce insicuro. Viene in un mondo che non conosce ancora, ed è proprio per questo che i bambini provano molte di queste emozioni. Queste emozioni non hanno lo scopo di maltrattare o prendere in giro il bambino, ma piuttosto di aiutarlo nel proprio sviluppo. In questo articolo ti diamo un modo diverso di ‘vedere’ in modo da poter avvicinare tuo figlio in un modo nuovo.

SUGGERIMENTO 1: Accetta che tuo figlio possa sentirsi insicuro

Questo passaggio è il passaggio più cruciale da compiere. Sembra ovvio, ma non lo è. Ogni bambino sperimenta insicurezze e dubbi. Queste emozioni sono necessarie per chiarire al bambino che si trova in “una stanza” che non conosce ancora. È un mezzo del corpo per renderlo consapevole che sta succedendo qualcosa che gli è sconosciuto. Ciò non significa che l’ignoto possa non essere scoperto e compreso. È più che il corpo indica che può essere attento e può esplorare l’ambiente. Proprio quell’insicurezza, quella paura, quindi, è proprio lì per guidare il bambino.

Se non vi è alcuna accettazione, da parte dei genitori, dell’emozione che il bambino sta vivendo in quel momento, sarà anche incline a rifiutare quelle emozioni in se stesso. Questa disapprovazione significa che il bambino non vuole svilupparsi in quelle aree che gli sono ancora sconosciute. Questo perché pensa che quei sentimenti non siano corretti da provare. Il problema è che in quasi tutte le situazioni nuove e particolarmente difficili, si verificano sentimenti come insicurezza, dubbio e paura.

È importante trasmettere a tuo figlio che le insicurezze, i dubbi e le paure sono normali esperienze di vita, che possono essere vissute e superate e che il bambino può trasformare le insicurezze. Nulla blocca la crescita di tuo figlio di più che negare le insicurezze, paure e altre emozioni negative. Perché è proprio lì che ci si concentrerà, in modo che possa iniziare una lotta interna in cui il bambino inizia a rifiutare le sue emozioni negative e a combattere contro parti di se stesso.
È proprio l’abbraccio delle proprie insicurezze che permette di trasformarle.

 

SUGGERIMENTO 2: sii trasparente nelle insicurezze che provi

Ognuno di noi nasce e nel crescere sperimenta incertezze e dubbi e di certo anche ora, specialmente come genitore. Tuo figlio è intelligente e sensibile e ha dei sensi con cui può capire se sua madre o suo padre sono insicuri. Cercare di nascondere queste incertezze darà l’esempio a tuo figlio che anche lui o lei deve nascondere queste incertezze. È quindi fondamentale che tu come genitore osi essere trasparente su certe incertezze.

Questo non significa che devi condividere tutte le tue incertezze e dubbi con tuo figlio, certamente no. Il punto è che puoi aprirti su certe sfide che stai affrontando, per esempio. Se hai una nuova sfida sul lavoro, ad esempio, va bene condividerla con tuo figlio. Ovviamente solo fino a un certo punto perché non è bene coinvolgere il bambino in alcune emozioni o preoccupazioni. Il punto è mostrare a tuo figlio che è normale sperimentarlo e dimostri anche che puoi “entrarci”. Ad esempio, se riconosci a tuo figlio che non sei soddisfatto del tuo peso, il passo logico successivo è che anche tu farai qualcosa al riguardo. Quando tuo figlio vede il tuo successo, avrà un fantastico esempio di come puoi affrontare le sfide della vita e può provare orgoglio. Questo è un esempio fantastico e assicura anche che un legame più profondo possa svilupparsi tra te e tuo figlio.

Non riconoscere, ad esempio, di essere in sovrappeso e riderci sopra sarà un esempio inverso per il tuo bambino. Un esempio in cui mostri di non guardarti sinceramente e onestamente allo specchio.

SUGGERIMENTO 3: Dai al tuo bambino lo spazio per esprimere la sua incertezza

Molti genitori hanno la tendenza, quando il loro bambino prova un certo dolore emotivo, a volerlo nascondere o ridimensionarlo. Siamo abituati a farlo perché non vogliamo vedere nostro figlio provare dolore emotivo …perché ci fa male. Tuttavia, un bambino non può crescere se non sperimenta un certo dolore. Quando vai in palestra prendi un peso che ti fa fare uno sforzo per sollevarlo, ad esempio. Non ha senso afferrare un peso di plastica che non costa quasi energia, perché il peso assicura che i muscoli possano crescere.

La sfida che ti attende garantisce che tu possa crescere come persona. Funziona esattamente allo stesso modo con il dolore emotivo. Abbiamo bisogno di dolore emotivo per aiutarci ad andare avanti e raggiungere un nuovo livello. Quando proteggiamo i nostri bambini dal dolore emotivo, dalle insicurezze o dai dubbi, non gli diamo la possibilità di crescere, anzi, facciamo il contrario. Ci assicuriamo quindi che non possa crescere emotivamente.

Puoi immaginarlo come bambini che crescono come piante da serra in cui la temperatura intorno a loro è perfetta, ricevono esattamente il cibo giusto, nessun insetto può catturarlo e nessuna malattia può verificarsi. Se alleviamo i nostri figli in questo modo e li teniamo come sotto una campana di vetro, creiamo bambini deboli e incerti.

Dai ai tuoi figli spazio per farli entrare in contatto con incertezza, dubbio, vergogna, paura e tutte le emozioni negative che possono provare. Perché proprio per questo avrà l’opportunità di sviluppare e scoprire aree che non ha mai sperimentato prima.

Non significa che dobbiamo abbandonare nostro figlio, ma che dobbiamo guidarlo nell’esperienza con queste (a volte nuove) emozioni. Ad esempio, quando tuo figlio sperimenta insicurezza, puoi chiedergli cosa prova e dargli l’opportunità di esprimere ciò che sperimenta internamente. Quando poi gli chiedi cosa vuole con esso e capisce che l’emozione stessa non lo aiuta più, sorgerà una volontà per trasformare questa emozione. Dare espressione è quindi una fase cruciale nella conversione dall’incertezza alla certezza.

N.B. Non possiamo presumere che anche tuo figlio voglia liberarsi dell’incertezza. In molti casi, i modelli di aspettativa sono già sorti in tuo figlio permettendogli di sperimentare emozioni quali incertezza, tristezza e rabbia ;-).
Solo quando è chiaro a tuo figlio di non preservare troppo a lungo quelle emozioni particolari, svilupperà la volontà di trasformarle. Non possiamo quindi insistere troppo sul bambino che voglia sbarazzarsi delle sue emozioni negative. In quei casi non ha senso spronarlo troppo perchè ha bisogno di più tempo in cui vivere l’emozione, dargli attenzione, ma l’ambiente non si muove.

SUGGERIMENTO 4: Aiuta tuo figlio a trasformare la sua incertezza

Il prossimo errore che i genitori possono fare è che, quando il loro bambino ha espresso l’emozione in questione, vogliono immediatamente fornire una soluzione al problema (l’emozione). Questo è un altro enorme errore e farà in modo che il bambino non sviluppi i muscoli per affrontare le sfide.

È importante che, come genitori, restiamo in silenzio in tale processo e facciamo una domanda che può aiutare nostro figlio a trovare una soluzione. La domanda ad esempio: “Ma cosa vorresti con questa incertezza o dubbio?”, inizierà il SUO processo di pensiero. Non è importante che tuo figlio abbia una risposta immediata e tu puoi anche aiutarlo, ma almeno devi renderlo “protagonista” dei suoi pensieri. Dagli almeno qualche secondo o qualche minuto per pensarci prima di iniziare a dare consigli o suggerimenti. Aiuterai maggiormente i bambini piccoli piuttosto che gli adolescenti. Negli ultimi anni dell’adolescenza puoi anche aspettare molto tempo e forse anche evitare di dare consigli. Nel momento in cui gli dai un consiglio immediato è come se tu dicessi a tuo figlio: senza di me non riuscirai. Questo gli darà la sensazione di non avere fiducia nelle sue capacità.

Se tuo figlio ha idee sul come risolvere il problema, in questo caso l’incertezza, incoraggialo a provare una di queste soluzioni. Anche se sai che la sua soluzione potrebbe non funzionare, non devi fermarlo immediatamente, perché ricorda che “quel provare” lo rende più forte. Sviluppare un modo di pensare orientato al problema è più importante della prevenzione del dolore emotivo a breve termine. Questo perché il modo di pensare alla risoluzione dei problemi gli darà molta più gioia nel lungo periodo.

Le tue emozioni sono tue e le emozioni di tuo figlio sono di tuo figlio. Hai la responsabilità, come genitore, di trovare soluzioni per le tue emozioni e tuo figlio sta imparando ad assumersi questa responsabilità sulle proprie emozioni.

Ognuno di noi nasce con insicurezze e tutti possiamo diventare individui fiduciosi.
Ma dobbiamo renderci conto che tutti dobbiamo attraversare le fasi dell’incertezza se vogliamo sperimentare la certezza. Non ci sono percorsi abbreviati in questo processo, ma tuo figlio può arrivarci più velocemente lasciandolo andare come viene.

Vi aspetto a Famiglie in Azione!

 

Florian Hiele
YADA TRAINER & FAMILY COACH

Certificato in NPL, EE, TLT e VT®specializzato in fobie e ansie sociali
e ha più di 9 anni di esperienza nel campo dell’istruzione
e l’allenamento degli adolescenti internazionali.

 

 


Se vuoi saperne di più sull’evento dedicato a genitori e figli >>> CLICCA QUI

Il Nostro Best Seller!

VIDEO CORSO GRATUITO
Nella mente del tuo adolescente

Nel video corso tratterò i seguenti argomenti:

  • Rispetto - Come farti rispettare e portare rispetto al tuo figlio adolescente
  • Ascolto - Come ascoltare tuo figlio in modo che non si chiude più con te
  • Responsabilità - guida tuo figlio per essere più responsabile
  • Supporto - Come essere di supporto per vare un rapporto migliore.

Risorse gratuite per i genitori che si vogliono mettere in azione anche a casa!

Inserisci la tua mail e ti mandiamo tutto subito alla tua casella di posta!
Back To Top